La Banca a Km Zero

E’ stata una serata veramente interessante quella organizzata dalla BCC dell’Alto Reno, lo scorso 29 novembre a Porretta Terme, dove si è cercato  di mettere in correlazione i cambiamenti climatici con le tante scelte che ognuno di noi quotidianamente pone in essere, con uno sguardo particolare alle scelte di carattere finanziario.

Ha aperto la serata il Direttore Generale, Dott. Roberto Margelli, che ha poi lasciato la parola al Dott. Gianluca Filippi di Cassa Centrale Banca.

Il Prof. Stefano Caserini, climatologo e docente del politecnico di Milano ha intrattenuto sapientemente l’assemblea con il suo intervento sui cambiamenti climatici, parlando in modo semplice di argomenti in realtà abbastanza complessi. In sostanza il professore ha ricordato come tutti noi possiamo giornalmente incidere sull’ambiente con le nostre scelte di vita (l’auto, la casa, gli elettrodomestici) e con le nostre abitudini virtuose (utilizzare mezzi elettrici, andare al lavoro in bicicletta ecc..). In realtà però i giochi sono governati dalle scelte delle grandi società e multinazionali. I potenti del mondo, anche con gli ultimi accordi di Parigi, si sono impegnati a “decarbonizzare” gradualmente le attività per la produzione di energia. Sembrerebbe quindi che i piccoli risparmiatori ben poco possano influire su queste scelte, invece non è così: tutti possono essere più attenti nei propri investimenti andando ad investire in settori che guardino alla ricerca ed allo sviluppo di fonti di energia più sostenibili. Naturalmente questo passaggio va fatto attraverso una corretta consulenza e  investitori professionali; non si tratta infatti di fare beneficienza, ma di trovare giuste soluzioni che diano la giusta soddisfazione in termini di rendimento. 

L’intervento di Giordano Beani di Amundi (società leader nel settore degli investimenti) ha evidenziamo proprio come vi possano essere diverse linee su cui andare ad investire, linee che riguardano ambiti ristretti (ad esempio il fotovoltaico) oppure ambiti più allargati, dove si vanno a scegliere società che hanno il giusto mix del cosiddetto SRI (Investimento Socialmente Responsabile)

L’ultimo intervento è stato di Fabio Palmieri della BCC Alto Reno, che in modo semplice e competente ha riassunto i temi principali della serata focalizzando l’attenzione sul fatto che i cambiamenti climatici ci riguardano da vicino (vedi Lago Scaffaiolo) e ricordando infine come la finanza etica possa, allo stesso tempo offrire rendimento, minori rischi ed essere sostenibile.

 

Vai all'inizio della pagina